Giuseppe Cederna al Detour

Giuseppe Cederna al Detour festival del cinema di viaggioGIUSEPPE CEDERNA AL DETOUR.

L’ATTORE RACCONTA LE MILLE ANIME DELL’INDIA AL FESTIVAL DEL CINEMA DI VIAGGIO.

Le mille anime dell’India” spettacolo teatrale di e con l’attore Giuseppe Cederna racconta il primo viaggio dell’autore in India. Alla terza edizione del “Detour – Festival del cinema di viaggio” in corso a Padova, fino al 19 ottobre 2014, è andato in scena venerdì 17 alle 19. La sala era affollata ed era possibile percepire una forte emozione per l’attesa. Da parte del pubblico e da parte dell’attore. La storia della ragazza-pesce narrata all’inizio del Mahabharata, poema epico indiano e testo sacro della religione induista, dà il via al racconto del viaggio intrapreso 15 anni fa, ma in realtà sempre presente e attuale, in cui ci accompagna Giuseppe Cederna, scrittore attore viaggiatore. Pianificato a Roma, in un ristorante, qualche tempo prima della partenza, il viaggio, ha potuto contare sui preziosi consigli dello scrittore indiano Amitav Ghosh, presente in quell’occasione, per la definizione delle tappe di una meravigliosa avventura.

In una mescolanza di odori colori immagini suggestioni, il viaggio ci porta fino alle sorgenti del Gange, facendoci scoprire luoghi particolari e persone incredibili. Come la ragazza israeliana, Shiva, che sembra sbucare dal nulla e vive in realtà in una sorta di tana sotterranea a cui si accede da un sasso e dove è anche possibile preparare un tè caldo. “Incredible”. O il punto in cui i corsi d’acqua convergono per andare a formare il fiume che prende il nome di Gange, luogo di suggestiva bellezza che diventa lo scenario in cui una telefonata a casa si trasforma nel momento della rivelazione di una tragica notizia. E il viaggio si trasforma e diventa proprio il percorso per arrivare a questo momento. Racconti e digressioni – che è un viaggiare tra le parole – momenti profondi e attimi più spensierati: i rituali, le riflessioni sulla vita e sulla morte, la nascita del progetto “Una cosa giusta” per formare operatrici sanitarie locali in India che garantiscano l’assistenza alle donne del posto, l’anticipazione sul prossimo lavoro teatrale incentrato sulla Grande Guerra, in scena da gennaio 2015.

Il pubblico in sala non è ancora sazio dei racconti. Ma il tempo a disposizione è ormai finito. Ci saranno altre occasioni per parlare di questo e di altri viaggi. Intanto, a conferma del  ricco programma del Detour, interessante nelle varie proposte, alle porte della sala sono già in tanti in attesa della proiezione del prossimo film in concorso, il franco-canadese “Gare du nord” della regista Claire Simon.

Giuseppe Cederna al Detour festival del cinema di viaggioGiuseppe Cederna al Detour festival del cinema di viaggioGiuseppe Cederna al Detour festival del cinema di viaggioGiuseppe Cederna al Detour festival del cinema di viaggioGiuseppe Cederna al Detour festival del cinema di viaggio

 

Nata a Padova, si laurea in chimica nella stessa città per poi conseguire un Master in Comunicazione e Giornalismo Scientifico sempre all’Università di Padova. Da sempre ama il cinema e lo considera una delle forme di espressione interdisciplinare ad oggi più complete.

Isa Bagnasco – who has written posts on Nordest Boulevard.