Design Apart a New York

Design Apart - Diego PaccagnellaDESIGN APART A NEW YORK.

UN NUOVO MODO DI VIVERE LO SHOW ROOM TRASFORMANDO UNA CASA PRIVATA IN UNO SPAZIO PUBBLICO. L’IDEA DI DIEGO PACCAGNELLA, PADOVANO A NY.

Un nuovo punto di incontro fra domanda e offerta. Un rapporto di fiducia da ricostruire fra produttore e consumatore, oggi che la rete ha cambiato tutto. C’è chi se n’è accorto da tempo e propone una via alternativa alla crisi. Design-Apart, ne è un esempio. L’idea creativa dell’architetto padovano Diego Paccagnella, non solo è sbarcata a New York, ma dallo scorso 14 novembre 2013, data di inaugurazione del loft a cui il progetto gira intorno, è una realtà. Ne hanno parlato il New York Times, che ne ha chiesto l’esclusiva, e il World Street Journal, AD, Wall Paper. Paccagnella, ex direttore artistico di Lago, da tre anni ci sta lavorando con il suo socio udinese, Stefano Micelli, docente Ca’ Foscari e autore di “Il futuro artigiano“. In cambio di uno spazio prestigioso a Manhattan, 250 metri quadri, sulla 25° strada quando incontra la 6°, di proprietà di un giovane avvocato che lo ha fatto utilizzare gratuitamente a Design-Apart, per dodici mesi, alcune aziende artigianali italiane di alto livello, la maggior parte del Nordest, hanno avuto uno showroom particolare. Loro hanno arredato la casa – una casa che ha dunque una dimensione privata insieme a pubblica, aperta ad eventi ed incontri, laboratorio di idee – e presentato prodotti e filosofie, con Paccagnella a veicolarne i contenuti, insieme all’intera famiglia, per trovare possibili clienti e investitori. Finito l’anno il proprietario Carrie Waible si ritroverà il suo loft, restituito, arredato al meglio.

“Fra settembre e novembre dell’anno scorso c’è stata la fase di montaggio dei pezzi, reale fase di completamento del prodotto – ci racconta Paccagnella – poi l’inaugurazione dello spazio, in cui è passato anche il Direttore dell’ICE, Istituto del Commercio Estero, e subito eventi. A novembre 2013 con architetti e designers selezionati dall’agenzia CW & Co., poichè i professionisti  hanno considerato questo uno spazio aperto, in cui venire liberamente per sviluppare progetti con i nostri partner. Design apart è così divenuto un luogo “materioteca”, dove è stato possibile sperimentare materiali nuovi.” A dicembre 2013 c’è stata la prima “Limited Edition“, 15 pezzi di sculture di ceramica della ditta Bosa di Asolo, modellate in pezzi unici dal designer spagnolo Jaime Hajon, Hop Bird, uccelli portafortuna, con cui Design-Apart ha lanciato l’e-commerce. Chi vi ha partecipato ha avuto una via di acquisto privilegiata in internet, poi estesa al resto del pubblico. A chiudere l’anno si è materializzato nell’appartamento anche il team di Pistoletto. Poi eventi a febbraio e lungo il 2014 in cui gli imprenditori che hanno seguito in quest’avventura Paccagnella & co. sono divenuti un vero gruppo, che condivide l’idea che il rapporto cliente-produttore va ridisegnato. Un  percorso da fare insieme verso la creazione di un prodotto unico. Non si entra più nei negozi, nè in Italia, nè a NY, ma si può entrare, facendone davvero parte, in Design-Apart.

Design Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego PaccagnellaDesign Apart - Diego Paccagnella

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.