La giostra dei fiori spezzati

La giostra dei fiori spezzati

LA GIOSTRA DEI FIORI SPEZZATI.

L’ULTIMO ROMANZO DELL’AUTORE PADOVANO MATTEO STRUKUL, EDITO PER MONDADORI, UN THRILLER SULLA PADOVA DI FINE ‘800 ARRIVA A PADOVA IL 5 APRILE AL SOTTOPASSO DELLA STUA.

Padova, inverno 1888. Nelle campagne infuria la pellagra, mentre in città le luci dei quartieri più signorili e ricchi stridono con la bolgia del Portello, la zona più popolare e malfamata della città. Ed è proprio qui, al Portello, che al termine di una notte nevosa, viene ritrovato il cadavere straziato di una prostituta. L’ispettore Roberto Pastrello capisce che le sue forze non basteranno a risolvere il caso e decide di chiedere la collaborazione di due detective d’eccezione. Il giornalista investigativo Giorgio Fanton, massimo esperto del Portello, e il famoso criminologo Alexander Weisz, intuitivo, tormentato, affascinante, con una pelle bianchissima e lunghi capelli neri. Da quando, bambino, ha trovato sua madre uccisa da un assassino misterioso, Weisz ha giurato che non avrebbe mai più permesso che a una donna venisse fatto del male. Ma il trauma dell’infanzia gli ha lasciato anche una pericolosa dipendenza dal laudano. Dopo qualche riluttanza l’irruente Fanton, allegro e conviviale, molto abile nelle risse, e Weisz, geniale e anticonformista, trovano accordo e affiatamento, aiutati non solo dall’ispettore Pastrello, ma anche da Erendira, misteriosa, cartomante e prostituta, avvolta nel mistero dei suoi occhi blu in cui è impossibile non perdersi. L’assassino, però, non si ferma, continua a colpire finché Weisz non coglie un primo collegamento negli omicidi: tutte le vittime hanno il nome di un fiore…

Dopo il successo dei due romanzi della saga di Mila, Matteo Strukul, classe ’73, patavino, torna con un thriller storico mozzafiato, caratterizzato da un ritmo travolgente per una narrazione che unisce un linguaggio ricercato, perfettamente affine all’epoca storica d’ambientazione, e insieme moderno visti gli acceleramenti che l’autore imprime alla storia. Immerso nelle atmosfere inquietanti e gotiche della Padova di fine ’800, che portano alla mente quelle, celebri e dark, della Londra vittoriana, il lettore assiste alla grande lotta tra il male, che si incarna in un terribile serial killer, l’Angelo Sterminatore, e il bene, rappresentato da una coppia di detective insofferenti alle regole, un po’ Holmes e Watson nella recente trasposizione cinematografica di Guy Ritchie. Un romanzo che trova padri ispiratori in Alan Moore, Edgar Allan Poe, Caleb Carr, Joe L. Lansdale che lo ha definito “una delle voci più importanti del nuovo thriller italiano”. Il romanzo, appena uscito per Mondadori, verrà presentato sabato 5 aprile, dalle 18, nello spazio Sottopasso della Stua a Padova dai giornalisti Niccolò Menniti Ippolito (Il Mattino di Padova), Massimo Zilio (Il Gazzettino), Francesca Visentin (Il Corriere del Veneto).

Matteo Strukul. Nato a Padova nel 1973, laureato in giurisprudenza e dottore di ricerca in diritto europeo dei contratti, Matteo Strukul è ideatore e fondatore di Sugarpulp, movimento letterario veneto che ha avuto la benedizione di Joe R. Lansdale e Victor Gischler. Scoperto da Massimo Carlotto, ha esordito nel 2011 con La Ballata di Mila (e/o), un romanzo pulp noir ambientato in Veneto con protagonista la bounty hunter Mila Zago, da cui è stata tratta la serie a fumetti “Mila Zago – Red Dread” (testi di Strukul disegni di Alessandro Vitti, artista Marvel e DC), e cui ha fatto seguito il sequel Regina nera (e/o 2013). Entrambi i romanzi di Mila sono in corso di pubblicazione in 16 Paesi fra cui Stati Uniti, Inghilterra, India e Australia.

Il Blog di Padova ha lanciato in relazione all’uscita del libro di Strukul il primo contest fotografico “InstaBlog”, pensato e promosso dal BlogDiPadova in collaborazione con la community degli instagramers padovani. Con #gothicpadova gli instagramers hanno ritratto i luoghi più suggestivi della città, scena del romanzo, cogliendone in particolare gli angoli più “dark”, i dettagli architettonici e le atmosfere più cupe e gotiche. Per saperne di più basta cliccare qui.

Il booktrailer de La Giostra dei fiori spezzati firmato da Filippo Vanzo, illustratore di Thiene, lo potete vedere cliccando qui.

Le foto sono: 1-2-5 Dusty Eye-Jacopo Masini; 2 scatto Gothic Padova; 3-5-7-10 frame del booktrailer di Filippo Vanzo; 9 sottopasso della Stua.

La giostra dei fiori spezzatiLa giostra dei fiori spezzatiLa giostra dei fiori spezzatiLa giostra dei fiori spezzatiLa giostra dei fiori spezzatiLa giostra dei fiori spezzatiLa giostra dei fiori spezzatiLa giostra dei fiori spezzatiLa giostra dei fiori spezzatiLa giostra dei fiori spezzati

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.