Un Angelo all’inferno su Rai2

Un Angelo all'infernoUN ANGELO ALL’INFERNO SU RAI 2. IL FILM INTERAMENTE GIRATO NELLA PROVINCIA E NELLA CITTA’ DI VERONA ARRIVA IN TV IN SECONDA SERATA IL 5 MARZO.

Arriva in tv, dopo l’anteprima al Palazzo della Gran Guardia a febbraio 2013, il film, interamente girato nella provincia di Verona, primo ciak a Peschiera e poi lungo Desenzano e il centro città, “Un Angelo all’Inferno” di Bruno Gaburro. Produzione del veronese Michele Calì e Federica Andreoli per Nuova Media e con, fra gli interpreti Giancarlo Giannini e Roberto Farnesi, per la pellicola, che verrà trasmessa mercoledì 5 marzo su Rai 2, in seconda serata, alle 23.30. Il lungometraggio racconta la storia di una famiglia in cui si insinua il pericolo della droga. Un ingegnere edile, Pietro Baldelli, interpretato da Giancarlo Giannini, risposato e con figli, s’innamora della sua giovane collaboratrice Francesca-Giorgia Wurth. La moglie Cristina-Chiara Conti, venuta a conoscenza del tradimento, si chiude nella sua depressione, mentre la figlia Martina, Laura Adriani dei “Cesaroni“, chiede aiuto al fratellastro prima, un Roberto Farnesi musicista, e poi, attraverso un amico del fratello, Michele Cesari, finisce in un giro di droga, manipolata dallo spacciatore Ivan-Luca Ward. Tema sociale per la pellicola che è la quarta di una serie prodotta da Calì con regista Gaburro che ha toccato in passato argomenti come la donazione degli organi, l’alcool, la salute mentale. Il cinema torna ad essere anche promotore turistico visto che la bella Verona è palcoscenico della vicenda che si chiude proprio all’Arena. Un Giannini che ha partecipato per l’importanza del tema delle dipendenze, e insieme a lui direttore di fotografia Sergio Rubini e colonna sonora curata da Paolo Vallesi, con il motivo trainante la pellicola “Il mio pensiero“.

Interviste all’anteprima agli attori cliccando qui.

Un angelo all'infernoUn angelo all'infernoUn Angelo all'infernoUn Angelo all'infernoUn Angelo all'infernoUn Angelo all'infernoUn Angelo all'infernoUn Angelo all'infernoun angelo all'infernoun angelo all'inferno

 

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.