Lichena Bertinato e la fotografia

Lichena Bertinato e la fotografiaLICHENA BERTINATO: QUANDO LA PASSIONE PER LA FOTOGRAFIA INVADE E PERVADE LA PROPRIA VITA.

Valdagnese doc, ma cittadina del mondo, in particolare di quello artistico inglese, che frequenta assiduamente, visto che a Londra è ormai di casa, in cerca di ispirazione, novità, possibilità di confronto con altri colleghi, e fonte di ricerca continua. Uno spirito un po’ inquieto, sempre alla ricerca del miglioramento personale e professionale nella disciplina che l’artista esprime con tutta se stessa: la fotografia. Una dimensione quasi maniacale, perché Lichena Bertinato confessa di fotografare da sempre, da quando, ancora adolescente, immortalava i propri familiari in ogni situazione, in casa o nelle ricorrenze. Fotografare: una passione smisurata che Bertinato vive come una seconda pelle, sviluppando una propria originale dimensione creativa, molto sensibile agli ambienti di strada, alle periferie e alle atmosfere nebulose. Uno dei temi preferiti è la notte, fotografata in ogni dimensione, principalmente sulla strada, luogo di massima ispirazione per il senso di imprevisto che lo avvolge. La strada, gli incontri, le occasioni, i non luoghi, sono gli ambienti prediletti della fotografa, che adora la dimensione di oscurità. Immergersi nella notte silenziosa, cercare l’insolito, questa è una dimensione cara a Bertinato, che ama ritrovare se stessa lontano dai rumori e dalla frenesia,  quando nelle ore notturne sviluppa le proprie foto,  fondendo la passione con la vita reale. Dimentica di tutto, sola con le immagini, nelle quali “immergersi” interamente fino ad esserne risucchiata, la fotografa è felice e si sente a posto. Il limite spazio-tempo è annullato, e nelle immagini ritrovi i principi dell’esistenza, l’essenza delle cose, che ti ossessioni a fotografare, quasi a volerne fissare l’attimo di eterno.

Il tema della notte si esprime in uno dei lavori più significativi e profondi, Future Location, un viaggio a colori acidi “on the road” ambientato in Veneto, scelto dalla galleria londinese DebutContemporary, per la singolarità della ricerca e la qualità del servizio fotografico. Il direttore della galleria, Samir Ceric, mentore di Lichena, inserisce l’artista nella loro accademia, e da luglio Bertinato collabora regolarmente con DebutContemporary, con una particolare attenzione al mondo dell’arte. Uno sguardo oltreconfine per essere sempre in contatto con le avanguardie e per aprire la mente a nuovi orizzonti. Tra i suoi lavori, rigorosamente in bianco e nero, frutto di sperimentazione continua, troviamo Luce e dintorni, viaggio lungo le strade del Veneto, una serie di foto di notti fredde e nevose. La fotografa predilige il bianco e nero, i contrasti di luci ed ombre, i luoghi, più che le persone, ma il suo percorso di artista in continuo aggiornamento la porta, inevitabilmente, ad abbracciare generi diversi, a trovare nuovi soggetti che diventano i protagonisti delle immagini. Ecco dunque l’originale, ultimo lavoro, che ha suscitato interesse e curiosità, il calendario I ragazzi di Gigi”, ambientato a Valdagno. Inversione di rotta, ambientazione diversa. Qui sono fotografate le persone, vestite elegantemente e truccate come nei  film in bianco e nero degli anni ’30, con le dive del cinema e gli attori immortalati in ambienti d’epoca.  Atmosfere retrò, piene di fascino, per fissare le immagini del Bar Dam, storico dopolavoro aziendale Marzotto, ritrovo sociale per eccellenza della comunità.

Il titolare Gigi Bonnet, ha voluto festeggiare la storia del locale, e i vent’anni di gestione, con un progetto fotografico, dando carta bianca a Lichena, che ha potuto sbizzarrirsi in tutta libertà, dando vita ad un vero e proprio set. E’ nata così una serie di ritratti in bianco e nero, Gigi fotografato davanti ad una splendida Balilla all’ingresso, un gruppo di persone raffiguranti il film “La Stangata“, la Divina come Greta Garbo, che catapultano direttamente nelle straordinarie ambientazioni dei vecchi film, negli anni trenta. Il bar Dam si trasforma, attraverso il gioco di luci ed ombre, il ruolo dei personaggi; e Bertinato scopre la bellezza di lavorare con le persone, che cambiano e si adattano alla nuova ambientazione, frutto di una regia sperimentale. La ricerca della fotografa è un continuum, e ora Lichena è concentrata su nuove sfide: fotografare la nebbia, elemento quanto mai imprevedibile, poi seguire aspetti più tecnici, lavorando sui colori e la manipolazione dei negativi.

Futura Location (colori), Luce e dintorni, (notturni b/n) I ragazzi di Gigi (ritratti calendario).

TUTTE LE IMMAGINI SONO COPERTE DA COPYRIGHT L.Bertinato Copyright

Lichena Bertinato e la fotografiaLichena Bertinato e la fotografiaLichena Bertinato e la fotografiaLichena Bertinato e la fotografiaLichena Bertinato e la fotografiaLichena Bertinato e la fotografiaLichena Bertinato e la fotografiaLichena Bertinato e la fotografiaLichena Bertinato e la fotografiaLichena Bertinato e la fotografia

 

Studia Lettere e Filosofia all’Università di Padova e si specializza in Comunicazione e pubbliche relazioni. Giornalista pubblicista, scrive per Italia a tavola (mensile online e cartaceo) e Mondo del Gusto, collabora con il mensile economico Economia Nordest, il Giornale di Vicenza, La Tribuna di Treviso per settore ambiente, turismo, enogastronomia. Produce servizi televisivi e giornalistici nell’ambito enogastronomico,
turistico e culturale. Affianca attività di consulenza e progettazione di marketing territoriale e turistico per Istituzioni ed enti Regionali. Supporta in attività di uffici stampa agenzie di comunicazione integrata. Docente in corsi di formazione su Mkt e comunicazione, presenta serate culturali e reading poetici. Ama molto i colori, la sua casa assomiglia ad un Suk (tappeti, cesti), e i quadri. Adora dipingere (olio e acquerelli) e scrivere poesie che da sempre (sigh!) restano nel cassetto. Viaggia molto e le persone che incontra le racconta attraverso lo storytelling, come fa sul suo blog cinziadalbrolo.com.

Cinzia Dal Brolo – who has written posts on Nordest Boulevard.