TARM – Come mi guardi tu

TARM -nel-giardino-dei-fantasmiI TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI e COME MI GUARDI TU.

LA BAND DI PORDENONE TORNA CON IL SINGOLO “COME MI GUARDI TU” DALL’ALBUM “NEL GIARDINO DEI FANTASMI”, A CHIUSURA DEL “GRAZIE MOLTISSIME TOUR”.

Ad inizio novembre per la band di Pordenone, capitanata da Davide Toffolo,  il lancio del singolo “Come mi guardi tu”, prima traccia del settimo album dei Tre Allegri Ragazzi Morti, una dichiarazione d’amore a cartoni, che chiude l’esperienza di “Nel giardino dei fantasmi” ed accompagna le ultime date del tour “Grazie Moltissime“. Ad accompagnare le sonorità della canzone d’amore desertica dei TARM, il video di Michele Bernardi, che ne firma la regia e le animazioni, che non sono in questo caso di Toffolo. Una storia quella di “Come mi guardi tu” che nasce dall’incontro dei ragazzi della band con la comunità tuareg più grande d’Italia, a Pordenone, in un concerto di una cover band dei Tinariwen. Il sound riporta a quelle atmosfere, al deserto, e la narrazione a cartoni ad una dimensione sognante.

Per ascoltare “Come mi guardi tu” clicca qui.

Ultimo singolo che verrà tratto dal settimo album ufficiale, “Nel giardino dei fantasmi”, dei Tre allegri ragazzi morti. Registrato fra marzo e settembre 2012, dopo il fortunato Primitivi del futuro del 2010,  all’Alambic Studio di Valvasone, Pordenone, il lavoro ha la produzione di Paolo Baldini, che ha portato il sound della band verso un orizzonte inedito per il trio, confezionando un disco folk, o etnico, di un’etnia immaginaria, il cui risultato si avvicina in parte alla ritmica dei Violent Femmes, loro primo album e punto di riferimento, insieme ad un certo tipo di Fela Kuti. Le chitarre naïf di Toffolo si fondano alla musica caraibica, a giri di blues, e a quel cantautorato italiano, lontano dal mainstream della musica legggera italiana, unendo a Luca Masseroni alla batteria e percussioni, Enrico Molteni al basso elettrico e acustico e Davide Toffolo alle chitarre elettriche e acustiche, oltre che alla voce, una serie di altri strumenti all’uopo: il mandolino, l’ukulele, il balafon, i cucchiai ed il cajon. Alcune chitarre sono state suonate da Andrea Maglia, Giulio Frausin (Mellow Mood e The Sleeping Tree) e dallo stesso Baldini. I gemelli Garzia (sempre Mellow Mood) si sono prestati a numerosi cori. Presente in vari episodi anche il coro I Fantasmi, composto da Mimina di Muro, Elisa Santarossa, Giulia Sgrò, Elena Veneruz e Lorena de Bernardis. Il concept grafico dell’intero lavoro è frutto della collaborazione creativa fra Davide Toffolo ai disegni, Alessandro Baronciani alla grafica, Sterven Jonger alla fotografia e Canedicoda ai costumi.

Per entrare Nel giardino dei fantasmi, e ripercorrere i ritratti firmati da Toffolo, in “Come mi guardi tu”, “I Cacciatori”, “Bugiardo”, “La mia vita senza te”, “Alle anime perse”, “La fine del giorno (canto n. 3)”, “La via di casa”, “Bene che sia”, “E poi si canta”, “Il nuovo ordine”, ” Di che cosa parla veramente una canzone?”, le ultime occasioni live, prima della chiusura del presente tour il Grazie Moltissime Tour, saranno il 30.11.2013 Black Out Rock Club – Roma e il 07.12.2013 CS Rivolta _ Marghera (VE) @ La Tempesta al Rivolta III.

Per info sulla data al Rivolta clicca qui.

TARM -nel-giardino-dei-fantasmiTARM -nel-giardino-dei-fantasmiTARM -nel-giardino-dei-fantasmiTARM -nel-giardino-dei-fantasmiTARM -nel-giardino-dei-fantasmiTARM -nel-giardino-dei-fantasmiTARM -nel-giardino-dei-fantasmiTARM -nel-giardino-dei-fantasmiTARM - Nel giardino dei fantasmitarm - nel giardino dei fantasmi

 

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.