Guccini a La Fiera delle Parole

Guccini a La Fiera delle ParoleGUCCINI A LA FIERA DELLE PAROLE.

SBARCA A PADOVA IL CANTAUTORE DALLA SUA THULE.

Pavana andata e ritorno. Nel paese dell’Appennino tosco-emiliano in cui ha trascorso l’infanzia, fra boschi e prati, dopo lunghi anni a Bologna, ha deciso di tornare, là dove è cresciuto, per recuperare l’atmosfera e le emozioni che solo un luogo caro ti possono regalare. Da un anno, Francesco Guccini, non suona più, perché “non mi diverte più” ha detto all’anteprima della Fiera della Parole, all’Mpx di Padova, lunedì 7, ospite della serata. Per quello che considera il suo ultimo lavoro discografico – chissà se ci ripenserà – ha scelto di registrare nel Mulino di famiglia, a Pavana, lontano dalla sala registrazione che gli sta stretta e che trova solo opprimente e fumosa. Nelle stanze del mulino, riattate a sala di registrazione, ha preso forma e suono “L’ultima Thule”, uscito nel 2012.

Insieme a Vince Tempera, Flaco Biondini, e i suoi musicisti storici ha compiuto questo viaggio musicale, ripercorrendo il mito di Thule. La canzone che dà il titolo all’album, prima strofa composta 15 anni fa, si rifà alla poesia di Borges, ed all’isola leggendaria, Thule, nominata dall’esploratore greco Pitea, salpato da Marsiglia, verso il nord, dove si imbattè in una terra di fuoco e ghiaccio, Thule appunto, fra l’anfesibene, le sirene e l’unicorno. Immaginifico come solo Guccini sa essere, letterario come la sua cifra stilistica impone e ironico come ne “Il testamento di un pagliaccio”, in cui i pagliacci siamo noi, oppressi dal potere ma con ancora una possibilità di reazione: l’ironia.

E con l’ironia e l’affabulazione ha incantato nella serata il pubblico, accorso per vedere il documentario del disco, “La mia Thule” di Francesco Conversano e Nene Grignaffini, girato proprio perché questo dovrebbe essere l’ultimo album del Maestrone e per testimoniare l’atmosfera ricreata al mulino. Così, mentre insieme a Giò Alaimo, sul palco racconta della sua amicizia con Gaber, delle storie di guerra, della sua nuova vita a Pavana, in cui i ritmi si fan più lenti, e le cene con gli amici – con Ligabue e Zucchero riesce pure a parlare in dialetto – sono un ottimo passatempo, Guccini ti conquista e hai voglia di sentire un altro aneddoto, un nuovo episodio, di salpare con lui per la sua Thule.

Per vedere il programma intero de La Fiera delle Parole basta cliccare qui.

Per vedere la serata di presentazione con Francesco Guccini basta cliccare qui.

Guccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle ParoleGuccini a La Fiera delle Parole

 

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.