Detour: i vincitori

DETOUR. IL FESTIVAL DEL CINEMA DI VIAGGIO E I VINCITORI DELLA SECONDA EDIZIONE

I PREMI UFFICIALI 

Il 20 ottobre si è chiusa la seconda edizione di Detour: Festival del cinema di viaggio, a Padova, organizzato da Fondazione March, direzione artistica di Marco Segato, con la relativa assegnazione dei premi:

Premio per il Miglior Film

A Hijacking (Kapringen) di Tobias Lindholm

per lo stile di regia ricco di componenti innovative, per il coraggio di proporre un quadro estetico originale, per la performance attoriale. Il film restituisce forti elementi di realtà senza mai scadere nella finzione più convenzionale.

“Gentile giuria, signore e signori,   sono onorato di accettare questo premio proprio nello stesso paese in cui il mio film è stato visto per la prima volta. L’Italia è stato il primo paese in cui ho potuto raccontare questa storia al mondo. Voglio condividere questo grande onore con tutte le persone che hanno lavorato al film, davanti e dietro alla macchina da presa, e che hanno messo a disposizione tutto il loro talento e mestiere in modo che io potessi realizzare questo film al meglio delle mie possibilità.   Non potevo fare un film che raccontasse la verità sui dirottamenti che avvengono nell’Oceano Indiano, perché non credo che esista un’unica verità possibile. Ho potuto però fare un film che racconta di uomini di mare, di pirati, di amministratori delegati e legami familiari. Perché figure come queste esistono davvero: in Danimarca, in Italia e nel resto del mondo.  È con grande umiltà che accetto questo premio tributato al mio film dalla giuria e dal Detour Film Festival. Vi ringrazio.”   Tobias Lindholm

il trailer lo trovate qui

Premio Speciale della Giuria

Tanta Agua di Ana Guevara e Leticia Jorge  per aver messo in scena un racconto intimo, che ci accompagna con umanità e ironia nel periodo difficile dell’adolescenza. Uno sguardo attento e una grande sensibilità caratterizzano le scelte narrative ed estetiche delle due giovani registe.

“Abbiamo saputo che Tanta agua ha riscosso un grande successo al festival e questo ci riempe di gioia.   Girare il film è stato di per sé un viaggio, dove abbiamo avuto la fortuna di poter contare sulla compagnia e l’aiuto di una troupe e di attori che hanno dato il meglio di se stessi.   Questa sera ci piacerebbe poter dedicare il premio a Maximiliano Angelieri, grande amico e musicista, che ha composto la colonna sonora del film direttamente da casa sua a Roma.   A nome di tutti ringraziamo il Detour festival e festeggiamo con voi a distanza un abbraccio forte e molte grazie!”   Ana e Leticia

il trailer lo trovate qui

Premio del Pubblico

Libri e nuvole di Pier Paolo Giarolo

            “Ci tengo a ringraziare il pubblico di Detour, perché il premio degli occhi attenti e pazienti degli 

             spettatori è tra i riconoscimenti che fanno più piacere e danno maggiore speranza.  

              Pier Paolo Giarolo”

             il trailer lo trovate qui

Detour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoriDetour: i vincitoridetour e il cinema di viaggiodetour i vincitoridetour i vincitoridetour i vincitoridetour i vincitoridetour i vincitoridetour i vincitori

 

 

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.