La Asolo di Laura Ghislandi

laura ghislandi

La Asolo di Laura Ghislandi

Laura Ghislandi, voce di RTL 102.5, dal sorriso trasparente ed etereo, è stata la madrina lo scorso maggio dell’evento “Son et lumières“, ad Asolo, scelta dall’artista organizzatrice, Irma Paulon. Laura ha esordito giovanissima con Dario Vergassola su Sky Sport 1 e ha proseguito la sua carriera nei programmi dedicati al calcio, affiancando Mino Taveri in “Giuda al campionato: direttissima”. Nel 2007 è stata “inviata” nella trasmissione “Pianeta Mare”, su rete 4, mentre dal 2008 è speaker di RTL 102.5, dove conduce la “Suite 102.5” insieme a Gigio D’Ambrosio. 

Sul web si dice di lei che da buona bergamasca non può vivere senza polenta, che non si separa mai dalla sua macchina fotografica e dai libri e che vivere per lei è uno splendido “gioco”, da affrontare con ottimismo e senza scoraggiarsi. Segue l’istinto e l’impulsività e adora parlare con la gente per imparare sempre cose nuove. Abbiamo fatto quattro chiacchiere con lei in occasione dell’evento. 

Come hai conosciuto Irma Paulon? Cosa ti piace del suo approccio all’arte?

Ho conosciuto Irma tramite una mia collega radiofonica, Francesca Cheyenne, la quale, sapendo del mio smisurato amore per Asolo, me ne ha parlato. La stessa Irma, poi, mi ha mandato una mail, molto delicata ed estremamente colorata e così ho potuto scoprire una persona fresca,vera, gioiosa e potrei andare avanti con tutti gli aggettivi che questa donna si merita. Non solo dedicandosi all’arte, creando e giocando con materiali diversi, ma riesce a trasportare tutto quello che È in quello che FÀ. Lo ha dimostrato anche nell’ultimo evento tenutosi ad Asolo.

Ti aspettavi un evento con al centro la musica africana? Con cui peraltro hai preso subito confidenza, provando tu stessa a fare da percussionista.. che sensazioni ti ha lasciato quell’atmosfera?

Un evento decisamente vivo e vibrante..in perfetta sintonia con i percussionisti africani che hanno rafforzato quel legame speciale che l’artista ha instaurato con i suoi ospiti; i quali, me compresa, hanno subito “abbracciato” quell’atmosfera sospesa tra i colli Asolani. Chi ballava, chi dipingeva, chi suonava, chi chiaccherava…tutti impegnati nello stare bene.

A tal proposito nella tua presentazione come madrina dell’evento hai sottolineato come in situazioni come quelle ritrovi dei valori che forse nelle grandi città si sono persi…

L’ho sottolineato nella mia “presentazione” – metto le virgolette perché più che una presentazione è stata proprio una vera chiacchierata tra amici! Che per altro non si conoscevano! – e l’ho voluto fare perché quando incontro persone valide e solide ne noto subito i valori..bastano poche parole per rendersi conto se chi si ha davanti lo meriti..ed Irma decisamente se lo merita! Abito e lavoro a Milano,spesso sono a contatto con persone che non sanno nemmeno più chi sono a forza di far finta di essere qualcun altro. Senza troppa retorica sui valori, quando li incontro sono ben felice di avere la possibilità di sottolinearlo.

Asolo la conoscevi già o “Son et Lumières” è stata un’occasione per scoprirla?

SOLO AD ASOLO potevo trovare una situazione così coinvolgente. In questo caso le persone sono state lo specchio perfetto per questa perla del veneto..perla che io già conoscevo e che conservo come rara.

La foto di copertina dell’articolo è di Barbara Beltramello.

laura ghislandilaura ghislandilaura ghislandilaura ghislandilaura ghislandi

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.