Electrocamp a Forte Marghera (VE)

ELECTROCAMP A FORTE MARGHERA (VE) – DAL 15 AL 21 GIUGNO
MUSICA ELETTRONICA – PERFORMANCES – ARTS INVADONO IL FORTE

Electro Camp sbarca a Forte Marghera per un’intera settimana.. ma cos’è?

Un doppio progetto di formazione dedicato a musicisti elettronici e performers: una settimana di scambio e approfondimento attorno alla pratica e alla relazione tra musica elettronica e movimento nel live performing. Classi dedicate agli appassionati di elettronica e altre invece che invitano danzatori, attori, performers al movimento. Il doppio progetto include momenti di contaminazione e creazione comune, con improvvisazioni, gruppi di lavoro, lectures, performances, live set.

Electro Camp é per i musicisti un’opportunità di sperimentare teoria e pratica sul campo anche attraverso il lavoro con danzatori e performers, per questi quindi un’opportunità di dialogare con la creazione sonora dal vivo che favorisce un personale e consapevole agire del corpo.

Electro Camp è una settimana in cui gli artisti potranno lavorare insieme: tutti i partecipanti potranno sviluppare la propria idea approfittando di tempi e spazi dedicati alla collaborazione; suddivisi in gruppi di musicisti e performers, potranno realizzare la propria performance da presentare al pubblico.

Questi gli intenti del Camp, che è un progetto di C32performingartworkspace ed electronicgirls, sostenuto da Marco Polo System all’interno del progetto più ampio di “Forte Marghera – Parco del Contemporaneo“. Qualche info in più ce la dà una degli organizzatori, Anna Giulia Volpato; per il programma completo basta visitare il sito www.electrocamp.it, per entrarne a far parte, invece, andate a Forte Marghera e non perdete questo appuntamento unico!

Come è nata l’idea di Electro camp?

L’idea è nata grazie all’incontro e alla collaborazione tra electronicgirls e Aldo Aliprandi e Marianna Andrigo di C32performingartworkspace: ci siamo conosciuti l’anno scorso e abbiamo iniziato a lavorare assieme negli spazi di c32 a Forte Marghera col proposito di fondere musica elettronica e performing art. Insieme abbiamo fondato “21”, un’orchestra elettronica che lavora in simbiosi con gruppo di performers (21 ha debuttato con la performance “Golden Min., the fantastic and irrational number” il 5 ottobre 2012 al Teatro Ca’ Foscari di Santa Marta, Venezia). Per creare 21 e la nostra prima performance abbiamo trascorso alcuni giorni di prove, scambio, condivisione e studio a Forte Marghera. L’esperienza è stata così bella e gratificante che abbiamo pensato fosse giusto dare l’opportunità a quanta più gente possibile di viverla.

Siete alla prima edizione?

Sì, questo è il primo anno, è l’edizione “pilota”. Electro Camp 2014 sarà senza dubbio ancora meglio perchè frutto delle esperienze precedenti.

Quale interesse ritenete ci sia per il mondo dell’elettronica e della performance a Nordest?

C’è sicuramente bisogno di educare e sensibilizzare il pubblico. Per questo ogni sera a Electro Camp ci sono lectures gratuite, tenute da docenti ed esperti del settore, che guidano lo spettatore all’interno di queste forme d’arte, fornendo strumenti per poter comprendere, apprezzare e conoscere.

Ci presentate qualcuno dei riferimenti da voi scelti per i vari workshop..

Sono tutti davvero importanti ed esperti. Si va da Agnese Doria, che sabato ha posto alcune questioni sul rapporto tra il pubblico, la performance teatrale, i limiti e le nuove possibilità del teatro nei confronti della fruizione, Claudio Rocchetti, uno dei massimi esponenti della scena noise ed elettronica dell’ultima decade, Barokthegreat, che con la performance “Indigenous” stanno riscuotendo un notevole successo in Europa, Veniero Rizzardi, docente al Conservatorio di Castelfranco Veneto e esperto di Elettronica fino a esponenti di nuove realtà nascenti, come Damiano Rocco e il suo Sequencer…

Come mai Forte Marghera?

In primis per la nostra relazione con C32. Poi, è uno spazio meraviglioso che pian piano sta diventando sempre più una fucina artistica davvero speciale. E’ un luogo da riscoprire, un posto di partecipazione e condivisione che deve essere rivalutato in tutto e per tutto.

Vi interessa far parte del progetto più ampio legato al Parco del Contemporaneo a cui questo luogo è stato deputato?

Le realtà indipendenti nascono per fare rete, per permettere strutture di mutuo soccorso e scambio reciproco.

electrocampelectrocampelectrocampelectrocampelectrocampelectrocampelectrocampelectrocampelectrocampelectrocamp

 

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.