Riciclarti edizione 2013

riciclarti 2013RICICLARTI EDIZIONE 2013 – BIENNALE DI ARTE E DESIGN A TEMA AMBIENTALE

PADOVA – EX MACELLO – DAL 26 MAGGIO AL 23 GIUGNO

“Un organismo vivo e in continua evoluzione”: questo è per la sua curatrice, l’artista Marisa Merlin, Riciclarti.

Quinta edizione per la rassegna che quest’anno diviene Biennale internazionale di Arte e Design e Politiche di sostenibilità ambientale. Inaugurata lo scorso 25 maggio, all’ex Macello di Padova e fino al 23 giugno, la manifestazione RicCAA ha il supporto del settore ambiente e cultura del Comune di Padova. “La dimensione dell’ambiente, dell’utilizzo del materiale di riuso – precisa l’assessore alla cultura, Andrea Colasio – ne fornisce di sicuro il contesto, ma la dimensione artistica è così alta da avere rilevanza in sé e per sé”. Molti i partecipanti al bando,  di cui poi quelli selezionati sono stati 23 artisti e 17 designers, da una giuria formata da Francesca Bottacin, dell’Università di Urbino, Enzo Sivero dello IUAV, e Enrico Bottan, fotografo di fama internazionale.

Gli artisti in mostra sono: Rebecca Ballestra, Francesco Caiazza, Loretta Cappanera, Ezio Cicciarella, Eleonora Cumer, Rino Dal Pos, Silvia De Gennaro, Erika De Martino, Flavio Gallettti, Roberta Gherardi, Anna Giagnorio, Marialuna Maresca, Mazzocca & Pony, Anastasia Moro, Antonio Panzuto, Banafsheh Rahmani, Luisa Rampazzo, Ulrich Riedl, Classe 3a serale Liceo Art. P.Selvatico Padova, Maria Pia Settin, Elisabetta Sgobbi, Annamaria Targher.

Mentre i designers: Stefano Aiello, Associazione Culturale Artwo, Giovanni Baldini, Virgilio Barison, Eleonora Battaggia, Giuseppe Colucci, Geco Laboratorio Artistico/Cooperativa Alternativa, Sandra Ida Faggiano, Fede&Tito, Vittoria Franceschi, Elisa Frassoldati, Amelia Lamberto ReVision design, Giorgia Merlin, Ester Motta, Fabio Scapin, Virgilio Venezia/Astrid Serughetti, Tarja Wallius.

Fra gli altri, anche presenze come quella della designer finlandese Trja Wallius, che, nel suo “Haloo-Kitchen wear”, rivitalizza tessuti provenienti dagli ospedali, o della padovana naturalizzata finlandese Erika De Martino, o dell’artista iraniana Banafsheh Rahman, che vive a Trieste e lavora nel Carso, segno che l’internazionalità è uno degli elementi che la rassegna si è saputa conquistare negli anni. Vi sono poi anche artisti che provengono da case circondariali. Il riuso del materiale ha anche come obiettivo sociale la rigenerazione personale. In questo senso lavora anche il video, presente fuori concorso, dell’artista Barbara Codogno, Riciclati”, ritratto sociale di persone che in seguito alla crisi hanno dovuto reinventarsi, “riciclarsi”.

Sempre fuori concorso l’installazione “Tessuto urbano” della stessa curatrice della rassegna Marisa Merlin e le fotografie di Andrija Lekic, montenegrino, che in anteprima nazionale presenta il 30 maggio, dalle 21, “Tohoku story after Fukushima tragedy”.  Introdotto da Francesca Bottacin, ricercatore padovana e docente di Storia dell’arte Moderna all’Università di Urbino, che ha il merito di averlo portato a RicCAA, Lekic ripercorrerà gli scatti che nel 2011, quando si trovava a Fukuoka in Giappone, dove decise di fermarsi come volontario, raccolse in quei luoghi appena devastati dal terremoto e dallo tsunami. Fra gli eventi collaterali: presentazioni di libri, interventi delle giovani curatrici degli artisti provenienti dall’Università di Padova e incursioni teatrali di Vasco Mirandola. L’ingresso è libero. Orari: lunedì-domenica dalle 16 alle 20; sabato-domenica anche mattina 10-13. Info su www.riciclarti.it

riciclarti 2013riciclarti 2013riciclarti 2013riciclarti 2013riciclarti 2013

 

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.