Premio Gaetano Marzotto 2013

Premio Gaetano MarzottoPREMIO GAETANO MARZOTTO 2013- ISCRIZIONI APERTE FINO AL 30 GIUGNO

“Fuori ci sono le serrate e il clima è pesante, ma le nuove idee imprenditoriali sono ancora possibili se sorrette da una rete “evoluta” che metta assieme società civile, istituzioni, persone e luoghi come questi  – il Vega a Marghera (VE) – dove l’energia e la vitalità sono il motore del cambiamento”. Le parole di Cristiano Seganfredo, così hanno aperto la conferenza stampa di presentazione del Premio Gaetano Marzotto, edizione 2013, nella prima giornata del Venezia Camp, II edizione, barcamp sulla nuova imprenditorialità, ideato da Michele Vianello, Andrea Casadei, Gigi Cogo, e Roberto Scamo, lo scorso aprile.

Fra gli ospiti alla conferenza, Alberto Baban, presidente della Piccola Industria di Confindustria Veneto, ha sottolineato come per ricostruire il tessuto imprenditoriale sia fondamentale quello che ha definito come fattore F, fiducia e futuro. “Non bisogna rinunciare alle idee, né a combattere, specialmente in un “lavoratorio”, come il Nordest”, neologismo che unisce lavoro e laboratorio, per descrivere un territorio costruito sul lavoro e in cui è ancora possibile sperimentare come in un laboratorio.

Tutti i relatori invitati ne sono esempi consapevoli, come Paolo Franceschetti, uno dei vincitori della seconda edizione, che con Solwa, prodotto per la desalinizzazione e potabilizzazione dell’acqua, basato sull’utilizzo delle energie rinnovabili, ha creato un anno fa, una start up che conta oggi 6 soci e 3 dipendenti ed è presente in VegainCube.

O come, con VegainCube, il direttore generale del Parco Scientifico, Michele Vianello, partendo da facebook, ha dato spazio ai nuovi imprenditori investendo con 300 mega di banda, in un luogo dove sono stati creati 70 posti di lavoro: “incredibile come – specifica Vianello – Camere di Commercio e banche non siano ancora entrate nel progetto permettendo così a Vega di fare quel salto di qualità di cui oramai ha bisogno”. Nello spazio sono presenti anche 35 start up dell’incubatore M31: “senza l’esempio di Giannino Marzotto – ha ricordato Ruggero Frezza, presidente e amministratore delegato di M31 – che credeva nell’intelligenza e nel coraggio, oggi realtà come la nostra non esisterebbero”.

E se, come hanno ribadito Marco Zamperini, aka Funky Professor in the web, e Ferdinando Businaro, amministratore delegato di Progetto Marzotto, per cambiare il mondo non si aspetta e si fa, e quando si fa si cerca di “give back”, restituire, alle giovani generazioni, quelle che si confrontano nel “Picht&Vine” di chiusura della conferenza lo hanno dimostrato. 6 startup di VegainCube, si sono infatti presentate in 3 minuti, sono state filmate dal pubblico e catapultate sulla piattaforma gratuita Vine. I due progetti scelti come i migliori di questo confronto, tech4brand.com e primo round.com, si sono giocati il rush finale a ruzzle, con vittoria finale di round.com.

Per i futuri start upper l’appuntamento resta invece la terza edizione del Premio, il cui bando si è aperto il 4 aprile e a cui ci si potrà iscrivere fino al 30 giugno. Il montepremi di 800.000 euro è stato raddoppiato da quest’anno e le sezioni sono: Premio Impresa del Futuro, Premio per una Nuova Impresa Sociale e Culturale, rispettivamente da 250 e 100 mila euro, e il terzo, Premio Dall’Idea all’Impresa, che si triplica con 10 percorsi seed, di incubazione e tutoring, da parte dei maggiori incubatori (fra cui H farm, Vega, The HUB) e poi Premio Speciale Unicredit talento delle idee, per accorciare le distanze fra imprenditoria e banche.

Premio Impresa del Futuro

La dotazione è di 250 mila Euro che saranno assegnati al miglior progetto imprenditoriale con capacità di generare significative ricadute positive negli ambiti sociali, culturali, territoriali o ambientali. I componenti della giuria sono: Riccardo Illy, Federico Marchetti, Gaetano Marzotto, Mario Moretti Polegato, Alessandro Profumo, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo. I settori di intervento preferibili saranno quelli di riferimento per il Made in Italy: moda e tessile, agroalimentare, turismo, farmaceutico, meccanica, casa, arredamento e ambiente. Al vincitore è inoltre assegnato un percorso di affiancamento della Fondazione CUOA.

Premio per una Nuova Impresa Sociale e Culturale

La dotazione è di 100 mila Euro che saranno assegnati al miglior progetto imprenditoriale con capacità di generare significative ricadute positive negli ambiti sociali e culturali. I componenti della giuria sono: Emil Abirascid, Ilaria Capua, Luca De Biase, Mario Del Co, Stefano Gallucci e Maurizio Sobrero. I settori di intervento preferibili saranno quelli del terzo settore e dei servizi culturali, sociali, alla persona, all’ambiente. Al vincitore è inoltre assegnato un percorso di affiancamento della Fondazione CUOA.

Premio dall’Idea all’Impresa

La dotazione complessiva è di 300 mila Euro che saranno suddivisi tra le dieci idee di fare impresa più innovative, alle quali sarà offerto un periodo di residenza all’interno degli incubatori d’impresa Boox, Fondazione Filarete, H-Farm, Incubatore I3P del Politecnico di Torino, LUISS EnLabs, M31, Seedlab, Talent Garden Padova, The HUB, Vega, con programmi seed dedicati, percorsi di formazione, tutoring e mentoring – per trasformare tali idee in impresa, oltre a una giornata di confronto e affiancamento per i team vincitori organizzata dalla Fondazione CUOA. Il Premio che dunque non sarà corrisposto in denaro ma in servizi reali è riservato a giovani di età massima 35 anni.

Premio Speciale Unicredit-Talento delle idee

La dotazione complessiva è di 150 mila Euro da assegnare ad almeno una startup per ciascuna delle tre categorie premiate. Prevede l’inserimento in un programma dedicato UniCredit che include: la partecipazione alla Startup Academy, mentorship, l’assegnazione di un Relationship Manager, l’assegnazione di un tutor scelto tra i partner di UniCredit e possibili incontri one-to-one con investitori, partner e clienti. I settori di interesse sono vari e includono: ICT, Digital e Social, Life Science, Nanotech, Moda e Design, Cleantech, Robotica, Agrifood, Turismo ecc. Il Premio non sarà dunque corrisposto in denaro.

Un nuovo ecosistema è dunque quello a cui lavora il Premio Gaetano Marzotto, dell’Associazione Progetto Marzotto, che come conclude Seganfreddo possa creare le condizioni ambientali per un cambio di paradigma, per pensare ad una rete di idee, persone, istituzioni, insomma ad una nuova idea di comunità per una nuova società condivisa.

Premio Gaetano Marzotto Premio Gaetano MarzottoPremio Gaetano MarzottoPremio Gaetano MarzottoPremio Gaetano MarzottoPremio Gaetano MarzottoPremio Gaetano MarzottoPremio Gaetano MarzottoPremio Gaetano MarzottoPremio Gaetano Marzotto

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.