Piazza Artigianato 0

Piazza Artigianato 0PIAZZA ARTIGIANATO 0 – VILLA DEL CONTE (PADOVA)

ARTE CONTEMPORANEA PER UNA RIQUALIFICAZIONE VERDE DI UNA ZONA INDUSTRIALE

Il primo esempio in Veneto di riqualificazione verde di una zona industriale è “Piazza Artigianato 0” a Villa del Conte (PD). Inaugurata il 23 maggio, nei giorni in cui si stava svolgendo la “Green Week delle Venezie”, rappresenta lo step conclusivo del progetto Green Industrial Spacecurato da Fondazione March, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, e la collaborazione del Comune e di Lago SpA.

Secondo una normativa comune, le zone verdi sono incluse nella progettazione dei siti industriali, e non essendo purtroppo caratterizzate da arredi, sono spesso lasciate a loro stesse.  «I lavoratori – ricorda Silvia Ferri de Lazara di Fondazione March – percepiscono questi spazi come un “non luogo”, mentre il progetto ha voluto trasformare l’area in un polo sociale che coinvolga anche i cittadini».

In 4 giorni, dal 20 al 23 maggio, Aspramente, NINANÒ, Orizzontale e Publink, i 4 collettivi artistici selezionati hanno lavorato in una sorta di cantiere-campeggio per cambiare volto alla zona. Da area con erba alta e spazzatura, con pochi mezzi e in poco tempo, a nuova piazza d’arte contemporanea, composta da: ”modulo piazza 1”,  scultura abitabile, con tavoli e sedute creati sopra ad un pavimento di assi di legno, realizzata con materiali di scarto offerti dalle aziende della zona, da utilizzare per relax, gioco, ma pure per meeting e conferenze all’aperto; attorno ad essa è stato piantato un “giardino edibile” con alberi da frutto scelti per ricreare un micro-ecosistema naturale.

E poi ulteriori installazioni, come: i “selezionatori di visione -giraffe”, per godere degli scorci migliori del paesaggio estraniandosi ed inserendo la testa negli incavi delle sculture; “Palafrutta”, scultura interattiva che, posizionata attorno agli alberi da frutto, permette di avvicinarsi alla natura per osservarla, conoscerla, e rispettarla; “Face to face”, panchina che permette alle persone di sdraiarsi e trovarsi faccia a faccia, una “Bipanca” che favorisce l’interazione ampliando le possibilità di condivisione nello spazio pubblico. Infine la campagna “Adotta un albero”, promossa dagli stessi artisti, per coinvolgere, nel mantenimento dell’area rivisitata, l’intera comunità circostante. Chiunque vorrà, avrà, infatti, la possibilità di accudire lo sviluppo di ogni singola pianta

Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0 Piazza artigianato 0Piazza artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0Piazza Artigianato 0

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.