L’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbana

Albero Genio Logico

L’ALBERO GENIO-LOGICO INSTALLAZIONE URBANA

Dal web alla strada. L’arte trova nuovi percorsi per interagire con le persone. Nel caso di specie diviene da immateriale a materiale. Come? Attraverso la ricerca e il lavoro di Davide Bazzerla, designer veneto che come stilista ha saputo farsi notare nel mercato internazionale con il proprio marchio BZZ (selezionato per The Vogue Talents Exhibition 2010).

L’autore in questione, che intreccia le sue creazioni con ispirazioni legate all’arte contemporanea, in questo caso utilizza la sua capacità di selezionare e cogliere immagini che possono divenire icone, immagini al di là del tempo, per arrivare alla definizione della sua prima installazione urbana.

Lo fa in primis sul web. Lungo un anno seleziona 3.000 fotografie in bianco e nero, che posta sul suo blog e sul suo profilo facebook. Una ricerca visuale che si materializza poi in 3.000 fogli di carta A4 riciclabile che vengono appesi ad uno ad uno ad un acero. Dove? A Treviso, dove Bazzerla oggi vive (un po’ in questa città, un po’ nella città che negli ultimi tre anni è stata sede del suo atelier, Berlino).

L’acero, che è divenuto lo scorso 20 dicembre, giornata dell’inaugurazione, un’installazione dal titolo “Albero genio-logico”, si trova in Piazza Botter di fronte ai Musei Civici di Santa Caterina.
Sorta di première di una serie di installazioni simili che prossimamente verranno improntate in alcune città europee, l’Albero genio-logico è a cura di Giovanni Flore ed ha visto la collaborazione della Galleria XYZ di Treviso, dei Musei Civici di Santa Caterina e del Comune di Treviso.

Le immagini, derivanti dai mondi delle arti, della cronaca, del cinema, sono state unite da un filo rosso, concretamente e metaforicamente, considerato che i fogli appesi sono stati legati tra di loro e ai rami con un filo di cotone rosso e che simbolicamente sono tenute assieme dai richiami e riferimenti che evocano negli occhi di chi le guarda.

I fogli dell’installazione sono stati appesi per essere, da chi vorrà, presi e portati con sé, scelti in base alle suggestioni suscitate in ognuno. Fotografie non scattate da Bazzerla, dall’impatto visivo forte e caratterizzato, che rappresentate in questo insieme divengono altro, perdono la paternità dell’autore stesso e di chi, come Bazzerla, le ha riunite, per avere una forza d’insieme indipendente che finisce per amplificarne l’esperienza di visione.

Una volta staccate, l’Albero tornerà ad essere nudo e vulnerabile come ogni essere nel suo stato di prima purezza. Un’esperienza che ha attirato attenzione da parte di chi ha voluto partecipare e che ha altresì trovato amplificazione nei social network: da lì è partita e realmente nata.

L’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbanaL’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbanaL’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbanaL’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbanaL’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbanaL’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbanaL’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbanaL’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbanaL’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbanaL’ALBERO GENIO-LOGICO installazione urbana

Silvia Gorgi è laureata in Scienze Politiche. Padovana doc, coltiva da sempre l’attività giornalistica. Scrive di musica, arte e letteratura per le pagine di Cultura e Spettacoli dei quotidiani del gruppo editoriale L’Espresso, Il Mattino di Padova, La Nuova di Venezia e Mestre, La Tribuna di Treviso e il Corriere delle Alpi, dal 2002. Dal 2012 scrive per ELLE Italia.
Speaker radiofonica, ha ideato Nordest Boulevard, nel 2009, programma radiofonico da lei condotto, su radio Sherwood, che indaga la realtà culturale del Nordest attraverso rubriche e talk show, ma che è diventato un progetto culturale per raccontare l’arte a Nordest a 360°, cinema, teatro, fotografia, arti figurative, per fare sistema.

Dopo la specializzazione in Giornalismo all’Università di Padova, è divenuta responsabile di uffici stampa per associazioni cinematografiche, sociali, culturali, eventi e case di produzione. È ideatrice del progetto Gitta Schilling-Bellezza senza tempo: cinema e fotografia uniti per raccontare la vita di una mannequin unica: esposizione-mostra nella prestigiosa galleria Infantellina Contemporary nel 2011 a Berlino, con foto e alla presenza di F. C. Gundlach e Walter Kober, fotografi di fama internazionale. Ha curato mostre di artisti legati al Nordest in Veneto e a Berlino fra il 2010 e il 2012. Presenta scrittori, registi, musicisti in eventi lungo il territorio e in particolare ha curato la presentazione di alcuni progetti cinematografici nello spazio della Regione nel corso della 67°-69°-70° edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010, Silvia vive fra Padova e Berlino.

Ama viaggi e ristoranti etnici, rock americano e nuove tendenze. Cocktail preferito: margarita.

Silvia Gorgi – who has written posts on Nordest Boulevard.